Fondazione Cassa di Risparmio di Cesena: contributi a soggetti privati senza scopo di lucro

Da Lunedì 01 Gennaio 2018 a Martedì 31 Dicembre 2019 alle ore 23:45

AMBITO TERRITORIALE DI ATTIVITA'
La Fondazione ha sede legale in Cesena e svolge la sua attività nel territorio storico d'intervento rappresentato dai Comuni di Cesena, Bagno di Romagna, Borghi, Cesenatico, Gambettola, Gatteo, Longiano, Mercato Saraceno, Montiano, Roncofreddo, San Mauro Pascoli, Sarsina, Savignano sul Rubicone, Sogliano sul Rubicone, Verghereto.
La Fondazione può effettuare interventi di carattere straordinario al di fuori dell'ambito sopra indicato in presenza di ragioni di opportunità e convivenza, quali il raggiungimento di una maggiore efficacia degli interventi, il perseguimento di economie di scale, esigenze di partecipazione a iniziative proposte dalle realtà associative. La relativa delibera deve indicare la motivazione sottostante all'intervento.
SETTORI DI INTERVENTO
La Fondazione indirizza la propria attività esclusivamente nei "settori ammessi" di cui all'art. 1, comma 1, lett. c)-bis legislativo n. 153/1999, e opera in via prevalente nei settori rilevanti (Settori ammessi):
1) famiglia e valori connessi; crescita e formazione giovanile; educazione, istruzione e formazione, incluso l'acquisto di prodotti editoriali per la scuola; volontariato, filantropia e beneficenza; religione e sviluppo spirituale; assistenza agli anziani; diritti civili;
2) prevenzione della criminalita' e sicurezza pubblica; sicurezza alimentare e agricoltura di qualita'; sviluppo locale ed edilizia popolare locale; protezione dei consumatori; protezione civile; salute pubblica, medicina preventiva e riabilitativa; attivita' sportiva prevenzione e recupero delle tossicodipendenze; patologia e disturbi psichici e mentali;
3) ricerca scientifica e tecnologica; protezione e qualita' ambientale;
4) arte, attivita' e beni culturali.
SOGGETTI DESTINATARI DI EROGAZIONI; ESCLUSIONI
Possono beneficiare degli interventi della Fondazione i soggetti che per esperienza, competenza, professionalità, reputazione e capacità di partnership diano prova di essere in grado di perseguire con efficacia ed efficienza gli obiettivi delle iniziative proposte.
Sotto il profilo soggettivo, possono proporre iniziative:
a) i soggetti pubblici o privati senza scopo di lucro, dotati di personalità giuridica;
b) le cooperative sociali di cui alla legge 8 novembre 1991, n. 381;
c) le imprese sociali di cui al decreto legislativo 24 marzo 2006, n. 155;
d) le cooperative che operano nel settore dello spettacolo, dell'informazione e del tempo libero;
e) altri soggetti di carattere privato senza scopo di lucro, privi di personalità giuridica, che promuovono lo sviluppo economico o perseguono scopi di utilità sociale nel territorio di competenza della Fondazione, per iniziative o progetti riconducibili ad uno dei settori di intervento.
Ai fini della formalizzazione delle iniziative o dei progetti di intervento, è necessario che i soggetti di cui al comma precedente siano
organizzati e formalmente costituiti, per atto pubblico o registrato o per scrittura privata autenticata, operino stabilmente nel settore cui è rivolta l'erogazione e che comprovino le loro esperienze, competenze e conoscenze, al fine di garantire la realizzazione e sostenibilità del progetto.
Possono essere accolte richieste da enti o comitati privi delle caratteristiche indicate esclusivamente per iniziative ritenute particolarmente rilevanti.
Sono escluse dagli interventi della Fondazione le richieste:
a) di natura commerciale, lucrativa e che producano una distribuzione di profitti;
b) provenienti da persone fisiche, con l'eccezione delle erogazioni sotto forma di premi, borse di studio o di ricerca;
c) provenienti da soggetti che non si riconoscano nei valori della Fondazione o che comunque perseguono finalità incompatibili con quelle dalla stessa perseguiti;
d) provenienti da imprese di qualsiasi natura con esclusione delle imprese strumentali e dei soggetti di cui alle lettere b), c) e d) del
precedente comma 2 ;
e) provenienti da partiti e movimenti politici o riconducibili a una matrice politica, da organizzazioni sindacali o di patronato e di categoria.
Il Consiglio di Amministrazione può individuare, nell'ambito dell'avviso pubblico, eventuali ulteriori cause di esclusione delle
richieste, al fine di accrescere l'efficacia degli interventi.
RICHIESTE DI FINANZIAMENTI E PARTECIPAZIONE A BANDI INDETTI DALLA FONDAZIONE
I soggetti che intendono sottoporre alla Fondazione una richiesta di intervento finanziario per la realizzazione di una determinata
iniziativa, devono compilare, in modo completo, l'apposito "Modulo di richiesta Contributo" caricato nella sezione allegati del presente bando.
Al Modulo di Richiesta Contributo deve essere allegata la documentazione ivi indicata e l'eventuale, ulteriore documentazione
utile per illustrare compiutamente l'iniziativa o progetto per cui si chiede il finanziamento (come, ad esempio, relazioni, progetti tecnici,
preventivi di spesa, pareri, studi, fotografie, ecc.).
LIQUIDAZIONE DEL CONTRIBUTO
L'erogazione del contributo avviene di norma una volta che l'iniziativa o il progetto siano stati realizzati e adempiute le condizioni eventualmente poste, formulate nella relativa comunicazione scritta, salvo che sia stato diversamente deciso in funzione delle
specificità dell'iniziativa o del progetto. La Fondazione ha facoltà di concedere anticipi sui contributi concessi, per adeguati motivi.
Il soggetto beneficiario deve riferire alla Fondazione sulla realizzazione del progetto o dell'iniziativa, sui risultati ottenuti, sulle spese sostenute, sulle risorse finanziarie utilizzate rivenienti da disponibilità proprie o da terzi. Nel caso siano state previste liquidazioni frazionate in più esercizi, è dovuta una relazione per ogni anno di durata o di svolgimento del progetto.
Qualora le spese effettivamente sostenute siano inferiori a quelle preventivate, il contributo viene ridotto in misura proporzionale
all'eccedenza rispetto alla spesa reale o, se il contributo è già stato erogato, il beneficiario deve restituire la somma eccedente.
Nel caso siano stati finanziati progetti pluriennali l'erogazione delle tranches annuali successive alla prima è effettuata sulla base
degli stati di avanzamento del progetto, positivamente valutati su documentate relazioni.
Il contributo viene erogato entro 30 giorni dal ricevimento della documentazione indicata nel presente articolo, salvo sospensione del
termine qualora siano state richieste informazioni e documentazione ulteriori.

INFORMAZIONI: https://www.fondazionecarispcesena.it/ - fondazione@fondazionecarispcesena.it - 0547/20322


Documenti allegati


Condividi e proponi

Condividi l'articolo presente in questa pagina per diffondere le informazioni sulle più imporanti reti sociali o oppure proponi l'articolo sui più importanti social news