Regione Emilia-Romagna: fondo di un milione e mezzo per abbattere i costi relativi all'accesso al credito per enti del Terzo Settore

Pubblicata il: 30/06/2020

Con D.G.R. 716/2020 è stato approvato il bando, rivolto ai confidi, per la concessione di un fondo da destinare all’abbattimento dei costi per l’accesso al credito, in seguito all’emergenza Covid19, a favore dei soggetti di cui all’art. 3 della legge regionale 1/2020.

CARATTERISTICHE DEL BANDO

Il bando si rivolge esclusivamente ai confidi ed è finalizzato a trasferire un fondo da destinare all’abbattimento dei costi sostenuti per l’accesso al credito delle associazioni di promozione sociale e organizzazioni di volontariato di cui alle Leggi Regionali n. 34/2002 e n. 12/2005, nonché delle associazioni sportive dilettantistiche e degli enti religiosi civilmente riconosciuti che svolgono attività di interesse generale ai sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo n. 117 del 2017, operanti in Emilia-Romagna.

BENEFICIARI FINALI DEL BANDO

Il bando ha come beneficiari finali:

  • associazioni di promozione sociale e organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui alle Leggi Regionali n. 34/2002 e n. 12/2005;
  • associazioni sportive dilettantistiche operanti in Emilia-Romagna;
  • enti religiosi civilmente riconosciuti che svolgono attività di interesse generale ai sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo n. 117 del 2017, operanti in Emilia-Romagna.

CARATTERISTICHE DEL FONDO

Il Fondo ha una dotazione iniziale di € 1.500.000:

  • € 1.000.000 per le associazioni di promozione sociale e organizzazioni di Volontariato iscritte nei registri e per gli enti religiosi civilmente riconosciuti che svolgono attività di interesse generale ai sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo n. 117 del 2017;
  • € 500.0000 per le associazioni sportive dilettantistiche.

Successive integrazioni della dotazione verranno destinate (i primi € 1.000.000 di integrazione)

  • per € 500.000 alle associazioni di promozione sociale e organizzazioni di volontariato iscritte nei registri di cui alle Leggi Regionali n. 34/2002 e n. 12/2005, e per gli enti religiosi civilmente riconosciuti che svolgono attività di interesse generale ai sensi dell’articolo 5 del decreto legislativo n. 117 del 2017
  • per € 500.000 alle associazioni sportive dilettantistiche.

ASSEGNAZIONE DEI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI ATTUALIZZATI E ABBATTIMENTO COSTI GARANZIA AI BENEFICIARI FINALI

Il consorzio fidi, con provvedimento del proprio organo deliberante, assegna i contributi in conto interessi attualizzati e per l’abbattimento dei costi della garanzia a favore dei beneficiari, con le seguenti caratteristiche:

  • Finanziamento massimo agevolato: 50.000 euro
  • Durata massima del credito: 72 mesi, comprensivi di massimo 24 mesi di preammortamento

Tipo di contributo:

  • rimborso totale o parziale del TAEG fino ad un max del 5,5%, nel caso di assenza della riassicurazione del Fondo PMI
  • rimborso totale o parziale del TAEG fino ad un max del 4,5%, nel caso di riassicurazione del Fondo PMI

Contributo massimo: 9.000 euro

Forma tecnica del finanziamento: mutuo chirografario

REQUISITI DEI BENEFICIARI

a) avere sede legale e/o operativa nel territorio della Regione Emilia-Romagna;

b) le associazioni di promozione sociale e le organizzazioni di volontariato, visto quanto previsto dall’articolo 101, comma 2, del D.lgs 117/2017, devono essere iscritte nei registri regionali di cui alle Leggi Regionali n. 34/ 2002 e n. 12/2005, o presentare

attestazione di iscrizione al registro nazionale in qualità di ente affiliato;

c) non trovarsi in stato di liquidazione volontaria, né avere attivato altra procedura concorsuale prevista dalla legge fallimentare e da altre leggi speciali, né avere in corso un procedimento per la dichiarazione di una di tali situazioni nei propri confronti, che compromettano la continuità di attività;

d) le ASD devono essere iscritte al Registro CONI o al Registro parallelo CIP;

e) gli Enti religiosi civilmente riconosciuti, limitatamente allo svolgimento delle attività di interesse generale di cui all’art 5 del Dlgs. 117/2017.

Il possesso dei suddetti requisiti deve essere attestato dal beneficiario richiedente mediante dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 e ss.mm., e verificato dal confidi, nel rispetto di quanto previsto alla lettera e) del paragrafo 6.

L’esito negativo, anche di uno, dei controlli di cui sopra comporta la decadenza e la conseguente revoca dell’agevolazione da parte del consorzio fidi.

TERMINE E MODALITA' DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

La domanda per la gestione del fondo dovrà essere inviata con posta elettronica certificata a partire dal 29 giugno 2020 ed entro il 9 luglio 2020 all’indirizzo strumentifinanziaridgcli@postacert.regione.emilia-romagna.it.

Fa fede esclusivamente la data di invio di ciascuna PEC.

La domanda, corredata dall’imposta di bollo, redatta in forma di dichiarazione sostitutiva ai sensi degli artt. 46 e 47 del D.P.R. n. 445/2000 e successive modificazioni, deve essere redatta utilizzando il modello allegato.


Documenti allegati

  • Bando concessione contributi Regione Emilia Romagna
    Bando per la concessione di contributi finalizzati all'abbattimento dei costi per l'accesso al credito per favorire la ripresa delle attività degli ETS,delle ASD e degli enti religiosi civilmente riconosciuti in seguito all'emergenza Codvi-19

Condividi e proponi

Condividi l'articolo presente in questa pagina per diffondere le informazioni sulle più imporanti reti sociali o oppure proponi l'articolo sui più importanti social news