Contributi regionali: co-progettazione nel distretto di Forlì

Pubblicata il: 06/06/2019

Le organizzazioni di volontariato e le associazioni di promozione sociale presenti all'incontro del 5 giugno hanno individuato quattro aree di intervento sulle quali orientare i progetti del distretto di Cesena:

  • area anziani
  • area minori e giovani
  • area accompagnamento al lavoro dei giovani
  • area disabilità

I quattro tavoli si sono incontrati mercoledì 12 giugno 2019 alla presenza degli operatori del CSV per definire i componenti dei partenariati e per individuare le azioni da inserire nei progetti. I quattro tavoli continueranno ad incontrarsi per predisporre il rispettivo progetto entro la scadenza dell'8 luglio 2019.

La Regione Emilia-Romagna, con D.G.R. 689 del 06/05/2019, ha messo a disposizione 1.934.960 € per il finanziamento e il sostegno di progetti di rilevanza locale promossi da organizzazioni di volontariato o associazioni di promozione sociale iscritte ai rispettivi Registri.
Come nel 2018, i progetti dovranno essere co-progettati e realizzati da partnership interassociative composte da ODV e APS iscritte nei rispettivi Registri.
Come lo scorso anno, la Regione ha individuato negli Enti gestori dei CSV i soggetti provinciali di riferimento competenti per la creazione delle reti e l'accompagnamento progettuale, in stretta sinergia con gli Enti Locali. Per questo motivo, la partecipazione ai processi di co-progettazione promossi dai CSV costituirà titolo di premialità (da 0 a 5 punti) e verrà attestata da questi ultimi.

Definizione dei budget distrettuali
Distretto Cesena - Valle del Savio: 50.714,93 €  (massimo 4 progetti)
Distretto Forlì: 80.793,12 € (massimo 5 progetti)
Distretto Rubicone: 39.994,53 (massimo 2 progetti)

Modalità di presentazione delle domande
Le domande dovranno essere compilate e trasmesse con la relativa documentazione, esclusivamente per via telematica, tramite l’applicativo web “TESEO”, al quale si accede collegandosi al seguente indirizzo https://www.servizi.regione.emilia- romagna.it/teseo/, entro il termine di lunedì 08/07/2019. Le ODV e APS interessate potranno accedere all’applicativo utilizzando le credenziali già in loro possesso, in quanto iscritte ai registri regionali.

Tempi di realizzazione dei progetti
I progetti ammessi a finanziamento dovranno essere avviati entro 30 giorni dall’avvenuta comunicazione dell’assegnazione del finanziamento.
Le azioni di progetto dovranno terminare entro il 06/11/2020, salvo deroga disposta dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali.
La rendicontazione finale del progetto ammesso a finanziamento deve essere trasmessa entro il 07/01/2021.

Aree prioritarie di intervento

  1. Contrasto alle solitudini involontarie,  specie nella popolazione anziana, attraverso iniziative e percorsi di  coinvolgimento attivo e partecipato;
  2. Sostegno all’inclusione sociale, in particolare delle persone con disabilità e non autosufficienti;
  3. Contrasto delle condizioni di fragilità e di svantaggio della persona al fine di intervenire sui fenomeni di marginalità e di esclusione sociale;
  4. Promozione della partecipazione e del protagonismo dei minori e dei giovani, perché diventino agenti del cambiamento;
  5. Sviluppo di percorsi di inclusione socio-lavorativa e di integrazione nelle comunità;
  6. Sviluppo e rafforzamento dei legami sociali, da promuovere all’interno di aree urbane o extraurbane disgregate o disagiate, con particolare riferimento allo sviluppo di azioni comunitarie, di coesione, che abbiano l’obiettivo di creare legami e relazioni significative e che favoriscano la partecipazione delle famiglie alla vita di quartieri;
  7. Sviluppo di forme di welfare generativo di comunità anche attraverso il coinvolgimento attivo e partecipato in attività di utilità sociale dei soggetti che beneficiano di prestazioni di integrazione e sostegno al reddito;
  8. Sviluppo e rafforzamento della cittadinanza attiva, della legalità e della corresponsabilità, anche attraverso la tutela e la valorizzazione dei beni comuni e dei beni confiscati alla criminalità organizzata.

Beneficiari delle risorse

  1. le organizzazioni di volontariato iscritte nel registro regionale di cui alla L.R. n. 12/2005 e ss.mm. alla data di approvazione del presente Bando;
  2. le associazioni di promozione sociale iscritte nel registro regionale di cui alla L.R. n. 34/2002 e ss.mm. alla di approvazione del presente Bando.

Criteri per la formazione dei progetti e destinazione delle risorse
I progetti dovranno essere co-progettati e realizzati da  partnership interassociative composte da organizzazioni di volontariato e/o associazioni di promozione sociale iscritte ai rispettivi registri.
I progetti dovranno essere programmati e realizzati a livello di ambito distrettuale secondo processi partecipativi coerenti con la finalità della costruzione di un welfare comunitario. Pertanto nella definizione dei progetti, oltre agli Enti partner di progetto, dovranno essere coinvolti gli Enti locali dell’ambito distrettuale attraverso l’Ufficio di Piano.
• non saranno ammissibili progetti che presentano un costo totale inferiore a € 12.000,00;
• il finanziamento massimo possibile per singolo progetto è di € 22.500,00


Documenti allegati


Condividi e proponi

Condividi l'articolo presente in questa pagina per diffondere le informazioni sulle più imporanti reti sociali o oppure proponi l'articolo sui più importanti social news